• Torre benaglio Testata

Villa De Ponti - Giardino Botanico

La storia del Giardino Botanico ripercorre le vicende di Villa De Ponti, costruita nella prima metà del Novecento e dotata di un ampio parco, ricco di alberi disposti attorno ad un anello ellittico che delimita una grande chiaria erbosa. La villa è prossima alla fabbrica di Sali di Bario, ancora oggi visibile oltre la ferrovia dalla terrazza, legata dal 1908 al 1975 alla famiglia di origine milanese De Ponti che nel 1923 acquisì l'area. Il cantiere durò un paio d'anni e da allora la villa fu abitata principalmente da Gaspare De Ponti, nei periodi lavorativi.

La grande chiaria erbosa si trova sotto al livello stradale perché, prima della costruzione della villa, l'area venne scavata per ricavare il materiale terrigeno per la massicciata della linea ferroviaria. Il parco venne vissuto particolarmente nei periodi estivi quando anche il resto della famiglia De Ponti si trasferiva dalla città. Mentre i bambini giocavano, la madre era l'unica davvero appassionata alla cura del parco e i figli ne ricordano ancora l'atteggiamento protettivo nei confronti degli alberi. La costruzione tra il 1989 e il 1992 della strada che passa sotto la ferrovia ha snellito il traffico sulla provinciale Lecco-Calolziocorte ma ha anche regalato al parco un brutto manufatto che l'ha tagliato in due, disturbandone i silenzi con un sottofondo di motori di passaggio.

Negli anni Novanta del Novecento, la Comunità Montana ha acquistato l'immobile e ha destinato il resto a Giardino Botanico, una "collezione" di circa cinquecento specie.

Villa De Ponti
Villa De Ponti Con Lapide
Gaspare De Ponti con la moglie e i figli (Anni '30-'40)
IMG 1560
Giardino In Autunno
Immagine Giardino

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.