• Foto © Giuliano 57
  • Home
  • I Siti d'interesse

La Val San Martino

Tra gli avamposti delle Prealpi orobiche e la valle dell'Adda si trova una vera e propria Terra di mezzo. Un tempo confine tra la Repubblica di Venezia e il Ducato di Milano. Oggi incontro tra le Province di Lecco e Bergamo, la Val San Martino è da sempre un punto di compenetrazione di territori e culture differenti: un trasparente confine.

Estesa da Vercurago a Pontida, la Val San Martino venne definita tale solo a partire dall'epoca basso medievale, allorché, nella prima metà del XV secolo, furono redatti i primi statuti rurali bergamaschi. Sin dal Settecento, i cultori di storia locale si sono interrogati sull'origine di questa denominazione formulando le ipotesi più disparate e suggestive. Oggi gli studiosi propendono ad attribuire l'origine del nome della valle ad un'antica chiesetta intitolata al santo Vescovo di Tours.

Le memorie, le tradizioni e le testimonianze materiali di questo territorio sono tutelate, fatte conoscere e promosse dall'Ecomuseo che ha come missione di identificare, ordinare e valorizzare i segni che la natura, il tempo e gli uomini hanno lasciato. Quest'istituzione ha la sua sede in Villa De Ponti a Calolziocorte che funge da punto di raccordo delle diverse emergenze ed è luogo di ricerca e didattica. 

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.